Residenza e domicilio nel B&B

Nuovo Argomento   Rispondi all'argomento

Pagina 3 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Mer Nov 02, 2011 8:18 am

Una collega mi ha detto che ha avuto un controllo proprio in questo senso... si son fatti mostrare la stanza della persona residente hanno aperto l'armadio e hanno chiesto a chi appartenevano quelli indumenti... erano appunto dell'intestatario del B&B
Facessero tutti il tuo ragionamento Ale.. di B&B ce ne sarebbero a migliaia in ogni città non poche decine ...almeno così avviene nella mia città Very Happy

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Mer Nov 02, 2011 10:13 am

Ale, lo potresti fare....a tuo rischio e pericolo... hein

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Mer Nov 02, 2011 10:42 am

concordo con le mie colleghe: il rischio è continuo.
In qualsiasi momento possono chiederti di mostrargli la tua stanza e se ci sono gli ospiti non puoi nemmeno aprirgli la porta delle camere...
Impensabile! What a Face
Comunque assicurati bene se nel comune dove conti di aprire ci vogliono la residenza o il domicilio, perchè sono cose diverse...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ale il Mer Nov 02, 2011 3:37 pm

Grazie per le risposte! immaginavo che potesse esere un problema
La regione è la Liguria e la normativa parla di residenza.
Secondo voi se volessi sfruttare interamente lo spazio (quindi entrambe le stanze + rispettivi bagni) a questo punto sarebbe piu' giusto definirsi affittacamere? scratch
Non so neanch'io scratch

Ale
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Mer Nov 02, 2011 4:07 pm

l'ultima normativa della regione liguria anno 2010 la trovi qui...qui ci sono tutte le risposte..

www.edizionieuropee.it/codiceliguria


una volta sul sito sbarri leggi regionale e poi clikki "cerca" ti si apre una finestra quindi cercherai seguente regolamento regionale (r.r. stà per regolamento regionale)

r.r.n.3/2010

ciao!


Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

residenza

Messaggio  Anita il Mer Nov 02, 2011 4:15 pm

quando si dice RESIDENZA si intende che si abita in quell'appartamento. Capisco la restrizione ma...ha ragione lucia quando dice che così ce ne sarebbero molti di più di BB! clown
Poi sta a te decidere di correre il rischio....... Basketball
avatar
Anita
utente vip
utente vip

Data d'iscrizione : 04.01.08

Tornare in alto Andare in basso

B&B ostacolo domicilio

Messaggio  IOM il Gio Mag 03, 2012 3:46 pm

Salve a Tutti,
Vivo a Bari ed ho una seconda casa a Roma, di quest'ultima vorrei farne un B&B, come posso aggirare l'ostacolo del domicilio?
Per espletare tutte le funzioni di accoglienza, pulizia ecc... stavo pensando di farmi aiutare da un collaboratore affidabile.
Qualcuno sa dirmi cosa fare?
Grazie
IOM

IOM
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Gio Mag 03, 2012 4:04 pm

IOM ha scritto:Salve a Tutti,
Vivo a Bari ed ho una seconda casa a Roma, di quest'ultima vorrei farne un B&B, come posso aggirare l'ostacolo del domicilio?
Per espletare tutte le funzioni di accoglienza, pulizia ecc... stavo pensando di farmi aiutare da un collaboratore affidabile.
Qualcuno sa dirmi cosa fare?
Grazie
IOM

Niente da fare IOM What a Face se sei tu a richiedere la SCIA hai anche l'obbligo di residenza, altrimenti intesta tutto al tuo collaboratore affidabile, che ovviamente dovrà anche risiedere nel B&B.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  IOM il Gio Mag 03, 2012 4:28 pm

e se faccio una società col mio collaboratore che trasferisce il domicilio proprio nel B&B?

IOM
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Gio Mag 03, 2012 4:45 pm

IOM ha scritto:e se faccio una società col mio collaboratore che trasferisce il domicilio proprio nel B&B?
Se fai una società devi aprire una partita iva, e diventerebbe un'attività imprenditoriale tipo affittacamere...

un consiglio, se hai tempo leggi i topic appositi, in cui certi argomenti sono già ampiamente spiegati

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  PaolaB. il Gio Mag 03, 2012 7:00 pm

Ostacolo domicilio??! ma per aprire un B& è la prerogativa indispensabile, non un ostacolo Very Happy

_________________
PaolaB.
B&B La Casa del Frate
Castiglion Fiorentino (AR)

www.lacasadelfrate.it    
email: casadelfrate2004@libero.it

La mente è come un paracadute: funziona solo se si apre.
avatar
PaolaB.
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Ven Mag 04, 2012 12:20 am

Lo spirito del bed and breakfast è quello dell'accoglienza nella propria casa di un ospite - le leggi che lo regolano prevedono infatti che il residente usi una parte della propria abitazione per svolgere questa "particolare" attività, che non è continuativa ma prevede anche un periodo di fermo nel corso dell'anno.....quindi dire che la residenza è un'ostacolo e come dire non ho capito cosa è o dovrebbe essere un b&B...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Residenza nel B&B

Messaggio  Carlo_RM il Lun Mag 28, 2012 1:44 pm

Ciao a tutti, sto per prendere possesso di un appartamento di c.ca 120 mq. a Trastevere che vorrei adibire a B&B (3 camere + 3 bagni + zona colazione e angolo cottura). Premetto che la mia intenzione è quella di dedicarmi personalmente a questa attività (a partire dalla prima colazione, per proseguire con la pulizia delle camere, l'assistenza agli ospiti,l'accoglienza, ecc. ecc), non la considero quindi un'attività part-time.
L'appartamento è a 2-3 chilometri da casa mia, so per certo che è assolutamente necessario spostare la residenza e il domicilio nel nuovo appartamento. La mia idea era quella di gestire totalmente l'attività ma di tornare a casa la sera per dormire, visto che vorrei lasciare la quasi totalità dell'appartamento a disposizione degli ospiti. Mi stava venendo l'idea di ricavare comunque una piccola zona-notte (costituita da un divano letto e da un armadio) separabile dal resto dell'appartamento da una soluzione divisoria mobile, da chiudere la sera, con l'idea di utilizzare questa zona in casi specifici (ad esempio, arrivo ritardato degli ospiti). Volevo chiedere a voi esperti se questa soluzione "flessibile" possa creare problemi in caso di controlli ed accertamenti.
Grazie per i consigli che potrete darmi!

Carlo_RM
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Lun Mag 28, 2012 1:56 pm

I requisiti per avere la residenza nell'immobile sono ben diversi, occorre un appartamento idoneo per abitarci, vanno poi presentate planimetrie con individuazione delle camere disponibili e da destinare a B&B. Il principio dei B&B è proprio che non si deve tornare a casa perchè quella è casa tua.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Consigli per attività Roma centro

Messaggio  Goethe il Mar Mag 29, 2012 11:40 am

Ciao a tutti e complimenti per il supporto che date a tutti i neofiti.
Vi espongo il mio caso: sono un impiegato di una piccola impresa e data la crisi ormai da gennaio sono senza stipendio. Risiedo ed abito all’ultimo piano di un palazzo al centro storico di Roma (sono in tutto: tre piani + piano terra, senza ascensore). Ho la possibilità (futura) di disporre (a costo zero perché di proprietà dei miei parenti) di uno/due appartamenti:
uno al piano terra composto da una camera con angolo cottura + bagno,
l’altro ubicato al primo piano composto da una camera/soggiorno con angolo cottura e un soppalco con scala dove si trova un letto matrimoniale, comodino, ed armadio.
Scusate la domanda stupida innanzitutto trattandosi di mini appartamenti è possibile fare un b&b od un affittacamere? Oppure è obbligatorio il semplice affitto (come avveniva prima e la maggior parte del tempo erano sfitti) e basta?
Che possibilità ci sono? Voi cosa mi consigliate?
E’ possibile fare il b&b anche se risiedo in appartamento diverso rispetto agli appartamenti locati (anche se nello stesso palazzo) e non c’è uno spazio comune per la colazione (ci sarebbe il soggiorno con divano letto ed angolo cottura ma in appartamenti diversi), né una reception? Bisogna stare chiusi 60 giorni (è un peccato considerando il flusso costante a Roma)? Premettendo che non vorrei abbandonare il mio lavoro in attesa di tempi migliori (e che i clienti paghino…), come impegno forse è meglio affittacamere mi risparmierei di fare la colazione tanto c’è l’angolo cottura, però diventa attività imprenditoriale con tutti i problemi che ne conseguono (tasse e burocrazia) e dovrei licenziarmi dal mio attuale lavoro? Oppure si può fare affittacamere non professionale con quali differenze in termini burocratici e tasse rispetto al b&b? Però anche qui ci sarebbe l’obbligo di risiedere nello stesso appartamento e la chiusura di 60 giorni? Potrei cambiare la residenza in uno degli appartamenti ma avere il domicilio all’ultimo piano? Scusate ma in giro ho trovato tanta roba però confusa…anzi se avete qualche link con regole, normative, procedure, modulistica, aggiornate per Roma vi sarei grato.
Attendo i vostri preziosi consigli, grazie.

Goethe
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Mar Mag 29, 2012 12:10 pm

Ciao,

se ho capito bene tali appartamenti sono distinti (anche catastalmente). In questo caso non puoi fare né un B&B né un affittacamere.
L'unica cosa che ti rimane, oltre ad affittarli distintamente con i soliti contratti 4+4, è la casa vacanza. In pratica affitteresti questi due appartamenti con questa formula che ti permette brevi affitti, a partire dai 3 giorni fino a 3 mesi.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Goethe il Mar Mag 29, 2012 12:23 pm

Grazie Brividus, ma non potrei fare b&b od affittacamere solo in uno? Considerando che forse solo uno ne avrò a disposizione...
La casa vacanza che differenza ha rispetto a b&b ed affittacamere? E' attività imprenditoriale? C'è l'obbligo di chiusura? Ecc...

Goethe
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Daniela il Mar Mag 29, 2012 12:26 pm

O unifichi gli appartamenti al catasto e fai una unica unità immobiliare (ma se i proprietari sono altri, a meno che non vendano, niente da fare, e poi non lo farei lo stesso), oppure giochi la carta della casa vacanze non imprenditoriale, che nel Lazio è consentita.
Penso come Brì che sia la soluzione più idonea.
Dai un occhio alla normativa sul turismo della regione Lazio, intanto.

_________________
Provarci significa prosciugare mari col secchio e spianare montagne con le paletta.
(Princi)
avatar
Daniela
Admin
Admin

Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Cristy il Mar Mag 29, 2012 12:41 pm

Penso anche io che la casa vacanze si la soluzione migliore, visto che gli appartamenti sono così piccoli: considerato che stai a Roma non credo avrai difficoltà a trovare ospiti.
Per la normativa lascio la parola a chi ne sa di più.
avatar
Cristy
utente attivo
utente attivo

Data d'iscrizione : 04.12.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Goethe il Mar Mag 29, 2012 12:47 pm

Grazie anche a te Daniela.
Il proprietario potrebbe essere lo stesso (mio padre), dico potrebbe perchè è tutto in attesa di divisione ereditaria...quindi ancora non è definito bene. Nel caso varrebbe la pena provare l'accatastamento unico oppure la casa vacanza non imprenditoriale offre gli stessi vantaggi del b&b ed affittacamere, anzi forse sarebbe meno impegnativa? Ci sarebbe comunque l'obbligo di chiusura di 60 o più giorni? La normativa è solo il regolamento del 2008 o c'è dell'altro?
Grazie.

Goethe
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  genzgenz il Mar Mag 29, 2012 12:55 pm

2. NORMATIVA TURISTICA


Il Regolamento delle Strutture Ricettive Extralberghiere è molto vasto e complesso, abbiamo fatto un piccolissimo riassunto.
Quelli che seguono sono brevi estratti dei punti salienti dei Regolamenti Regione Lazio n° 16 del 24/10/2008 - n° 18 del 21/09/2009


DEFINIZIONI - ai fini del presente regolamento si intendono per:

- "case e appartamenti per vacanze”, gli immobili arredati per l’affitto ai turisti, esclusa la somministrazione di alimenti e bevande, nonché di offerta di servizi centralizzati, nel corso di una o più stagioni, con contratti aventi validità non inferiore a tre giorni e non superiore ai tre mesi consecutivi.
Le gestioni di case ed appartamenti per vacanze si distinguono nelle seguenti tipologie:
- in forma non imprenditoriale, per la gestione di una o due case o appartamenti per vacanze;
- in forma imprenditoriale, per la gestione di tre o più case o appartamenti per vacanze.

- "alloggio e prima colazione” o “bed and breakfast”, il servizio offerto da parte di coloro che nell’abitazione hanno residenza e domicilio e mettono a disposizione degli alloggiati delle camere con relativi posti letto. Tale servizio, svolto con carattere saltuario o per periodi ricorrenti stagionali, con un periodo di inattività pari almeno a sessanta giorni anche non consecutivi, in un massimo di tre camere con non più di sei posti letto, comprende la prima colazione ed è assicurato avvalendosi della normale organizzazione familiare. In ogni caso il soggiorno e il pernottamento non può essere superiore a novanta giorni. Attività ricettiva in forma non imprenditoriale.

- "affittacamere", le strutture composte da non più di sei camere, ubicate in non più di due appartamenti ammobiliati di uno stesso stabile, collegati funzionalmente tra loro, nelle quali sono forniti alloggio ed eventualmente servizi complementari. L'utilizzo degli appartamenti a tale scopo non comporta il cambio di destinazione d'uso ai fini urbanistici. Attività ricettiva in forma imprenditoriale.


CLASSIFICAZIONE ed AUTORIZZAZIONE
- La classificazione delle strutture ricettive è effettuata dall' A.P.T. - Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Roma e costituisce una delle condizioni necessarie per il rilascio dell’autorizzazione.
- L'autorizzazione all’esercizio delle attività è rilasciata dal S.U.A.R. - Sportello Unico per le attività ricettive, Dipartimento Turismo del Comune di Roma.

REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI
Per ottenere l'Autorizzazione all'esercizio di attività ricettiva extralberghiera, l'immobile DEVE avere le seguenti caratteristiche:

CAMERE DA LETTO (requisiti validi per: Case Vacanza - Bed & Breakfast - Affittacamere):
- Le camere devono essere dotate di porta e finestra.
- Altezza minima soffitti: 2,70 ml
- singola: superficie minima 9 mq
- doppia: superficie minima 14 mq
- tripla: superficie minima 20 mq
- quadrupla: superficie minima 26 mq
- Letti a castello: NON sono ammessi letti a castello nelle case vacanza, mentre sono ammessi negli Affittacamere e nei Bed & Breakfast.

APPARTAMENTI MONOLOCALI:
- alloggi destinati ad 1 ospite: superficie minima 28 mq (bagno compreso)
- alloggi destinati a 2 ospiti: superficie minima 38 mq (bagno compreso)
- Altezza minima soffitti: 2,70 ml
Negli appartamenti monolocali sono ammessi posti letto su divanoletto.

SERVIZI IGIENICI :
- Superficie minima dei bagni: 3 mq
- Altezza minima soffitti: 2,40 ml
Il bagno principale dell'immobile deve avere tutti i sanitari, compreso il bidet.
Solo nel secondo bagno, ove lo spazio non lo consenta, è ammesso il water-bidet.
Il numero dei bagni è nella misura massima di:
- 1 bagno ogni 5 posti letto (case vacanza)
- 1 bagno ogni 6 posti letto (affittacamere e Bed & Breakfast).

SOGGIORNO:
la presenza del soggiorno è obbligatoria in tutti i tipi di strutture ricettive.
- Il soggiorno deve essere dotato di finestra.
- Superficie minima 14 mq
- Altezza minima soffitti: 2,70 ml
Non sono ammessi posti letto in soggiorno su divanoletto.
(Attenzione: la presenza del soggiorno, anche se non è prevista dal Regolamento Turistico Regionale, è obbligatoria secondo quanto previsto dal Regolamento Edilizio Comunale).

LOCALE ACCESSORIO: solo per gli Affittacamere che richiedono l'autorizzazione anche per la somministrazione della prima colazione.
- Il locale accessorio deve essere dotato di finestra.
- Superficie minima 16 mq
- Altezza minima soffitti: 2,70 ml

CORRIDOI / DISIMPEGNI / RIPOSTIGLI:
- Altezza minima soffitti: 2,40 ml

CUCINA:
la presenza della cucina è obbligatoria in tutti i tipi di strutture ricettive.
- La cucina deve essere dotata di finestra.
- Dimensione minima cucina: 15 m3
- Altezza minima soffitti: 2,70 ml

ANGOLO COTTURA:
In alternativa alla cucina (intesa come un vano separato), l'immobile può essere dotato di un angolo cottura.
L'angolo cottura deve avere le seguenti caratteristiche: deve essere annesso al SOGGIORNO, deve comunicare ampiamente con esso e deve essere adeguatamente munito di impianto di aspirazione forzata sui fornelli.

ALTRE CARATTERISTICHE DELL'IMMOBILE:
- Conformità dell'immobile alle norme in materia di urbanistica, edilizia, sicurezza degli impianti, igienico sanitaria.
- Lo stato di fatto dell'immobile deve essere identico a quanto riportato al catasto.
- Categorie Catastali ammesse: CASE VACANZA: A1 – A2 – A3 – A4 – A5 – A7 – A8 – A11
- Categorie Catastali ammesse: BED & BREAKFAST: tutte le categorie A (esclusa la Cat. A/10 )
- Categorie Catastali ammesse: AFFITTACAMERE: A1 – A2 – A3 – A4 – A5 - A7 – A8 – A11
avatar
genzgenz

Data d'iscrizione : 25.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Mar Mag 29, 2012 2:12 pm

Goethe ha scritto:Grazie anche a te Daniela.
Il proprietario potrebbe essere lo stesso (mio padre), dico potrebbe perchè è tutto in attesa di divisione ereditaria...quindi ancora non è definito bene. Nel caso varrebbe la pena provare l'accatastamento unico oppure la casa vacanza non imprenditoriale offre gli stessi vantaggi del b&b ed affittacamere, anzi forse sarebbe meno impegnativa? Ci sarebbe comunque l'obbligo di chiusura di 60 o più giorni? La normativa è solo il regolamento del 2008 o c'è dell'altro?
Grazie.
Dubito che potrai ottenere l'accatastamento unico e comunque risolvi ben poco......perchè tu ci devi vivere.....e comunque gli appartamenti sono troppo frammentati e poco sfruttabili.
La casa vacanza, invece, ha pochissimi obblighi e, come ho detto, ti consente di avere ospiti per soggiorni brevi. Sicuramente non sarebbe un B&B, ma molti colleghi con case vacanze sono in tutti i circuiti di B&B....quindi a livello di clientela siamo quasi lì.
Avresti anche il vantaggio di poter fornire miniappartamenti con angolo cottura, che molti richiedono, specie a Roma, e nessuna rogna di fare colazioni.
Per contro, la casa vacanza NON è un B&B (sia a livello di immagine che di servizi offerti) e, inoltre, rende molto meno economicamente del B&B per varie ragioni,a parità di metratura.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

B&B a Misano A., chiarimenti sulle camere..

Messaggio  Sele il Lun Lug 23, 2012 12:39 pm

Salve a tutti, io e mio marito stiamo valutando di aprire un B&B a casa nostra sulle colline di Riccione, a Misano Monte. Possediamo una casa di campagna, la nostra idea era di affittare le tre camere che usiamo noi, una matrimoniale con bagno in camera, e le altre due matrimoniali con bagno condiviso. Il fatto è che n dovremmo andare a dormire in cantina per lasciare le camere agli ospiti. Le camere che affitteremmo sono di pregio dai pavimenti ai rivestimenti alle tinteggiature. Anche la mobilia è di pregio, infatti sono le nostre camere! La domanda è questa; è possibile per noi andare a vivere in cantina o il Comune non lo permetterebbe visto che alla presentazione della domanda fanno un sopralluogo? Cosa ne pensate? Io mi dedicherei alla gestione a tem pieno del B&B mentre mio marito continuerebbe a lavorare.

Sele
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Ospite il Lun Lug 23, 2012 12:49 pm

L'abitazione può trovarsi a qualsiasi piano della casa purchè dalle autorizzazioni edilizie e dall' accatastamento risulti ad uso abitativo

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Sele il Lun Lug 23, 2012 1:40 pm

È una cantina catastalmente, non ha abitabilità! Quindi non potrei giusto? Come posso fare ad ovviare il problema?

Sele
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Residenza e domicilio nel B&B

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Puoi rispondere agli argomenti in questo forum